Cerca
  • Arcadio Pasqual

Investimenti online: Differenza tra Trading e Investing



Quale sono le differenze tra fare Trading e Investire?


Iniziamo con il dare delle definizioni alle due parole:

Fare trading vuol dire comprare e vendere azioni (ma anche valute, crypto-currencies, commodities, futures, etc.) per risultati di breve periodo, che vanno da alcuni secondi a pochi giorni.


I traders si focalizzano su aspetti tecnici dei sottostanti che vogliono comprare (vedi lezione su Analisi Tecnica che puoi trovare sulla applicazione CapitalEyes).


Investire invece vuol dire comprare azioni o obbligazioni e mantenerli nel portafoglio per lunghi periodi di tempo per ottenere risultati di medio-lungo periodo. Gli investitori si focalizzano su prospettive di medio lungo termine nello scegliere gli strumenti su cui investire.




Qual è l’obiettivo delle due strategie?

L’obiettivo è esattamente lo stesso: guadagnare soldi.


Quale delle due strategie è la più rischiosa?


Fare trading è molto più rischioso che investire: i portafogli d’investimento sono molto più diversificati e quindi hanno meno probabilità di perdere molto nel breve periodo, a differenza dei portafogli dei traders che spesso chiudono le posizioni (cioè vendono se hanno comprato o comprano se prima hanno venduto), anche con piccoli guadagni in termini percentuali ma che possono essere importanti in termini assoluti per gli importi più elevati in ogni singolo trade.


Quali sono le differenze nei costi delle due strategie?


Questo dipende molto dalla piattaforma utilizzata dal trader e dai costi applicati ad ogni operazione (che si suppone siano tante), come dalla tipologia di strumenti di chi investe che possono anche erodere in modo importante la performance nel lungo periodo.


E qual è il tempo da dedicare a fare trading o investing?


Qui c’è una grossa differenza tra le due strategie:


- Per poter fare trading con successo, oltre ad avere “metodo” (e quindi attenersi scrupolosamente agli obiettivi che uno si da in termini di algoritmi di trading e di stop loss) bisogna avere molto tempo


- Bisogna preventivare tempo da dedicare alla piattaforma di trading per poter monitorare il mercato.



Una buona notizia viene proprio da alcune nuove piattaforme che hanno cambiato il proprio nome in “social trading” per dare la possibilità a chi non ha tempo (o skills) di poter aggregarsi ad altri traders e quindi replicare le stesse operazioni che vengono poste in essere da altri che hanno più tempo a disposizione e più esperienza. Investire invece necessita molto meno tempo.


Serve magari più tempo all’inizio quando viene definito il portafoglio iniziale che deve tenere conto degli obiettivi, della avversione o meno al rischio, della situazione congiunturale del mercato, etc.; ma serve molto meno tempo dopo per il monitoraggio e per le eventuali modifiche da fare al portafoglio.


Cosa è quindi meglio tra trading e investing?


Visto la maggiore rischiosità e il fatto che necessita più tempo, il trading è sicuramente utilizzato da meno persone che magari in un dato momento della loro vita hanno le giuste disponibilità: tempo e risorse finanziarie. Per la maggior parte delle altre persone invece un portafoglio d’investimenti è la soluzione più giusta, prestando molta attenzione ai costi che non devono essere troppo elevati, e con la convinzione che comunque bisogna dedicare del tempo a capire i concetti base e poi monitorare gli investimenti in modo regolare.

0 visualizzazioni
App_icon_bg.png
CapitalEyes_logotype.png

Il seguente sito funge da piattaforma di promozione dell'app CapitalEyes. Nessun servizio erogato dall'applicazione è replicato oppure offerto dalla seguente piattaforma.

351 885 0065

 

Via Panfilo Castaldi, 8 - Milano MI 20124

  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco icona di Google Play

© 2019 by CapitalEyes s.r.l.